Un progetto speciale
Un’operazione di recupero che prevede la riapertura di un antico vigneto situato nel cuore di Asolo,
e che condurrà alla produzione di un esclusivo Cru nel 2022.
operazione-image1
l’operazione
Nel cuore di Asolo, circondato da un paesaggio fiabesco ai piedi della cinquecentesca Villa De Mattia, si trova un antico vigneto ora oggetto di un ampio progetto di recupero.
Un team multidisciplinare, comprendente uno storico, un architetto del paesaggio e una squadra di enologi del CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) di Conegliano, si sta occupando da luglio 2017 di riportare questo “giardino perduto” al suo splendore originario.
stato-operazione-image1
LO STATO
DELL’OPERAZIONE
Le prime fasi di studio hanno condotto alla pulizia completa dell’area ad eccezione delle piante risultate sane, le quali risulteranno fondamentali per il nuovo impianto del vigneto.
Il progetto è stato presentato ufficialmente alla stampa durante un evento tenutosi ad Asolo agli inizi di ottobre, nel quale, al termine di una serie di interventi mirati da parte dei membri del team, i presenti hanno avuto modo di visitare e percorrere la vigna.
È in corso un confronto dei biotipi con quelli disponibili presso il C.R.E.A. per vedere se corrispondono o se verrà riscontrata ulteriore biodiversità.
Verrà inoltre effettuata un’analisi del suolo per capire la sua influenza sulla longevità delle piante, ognuna delle quali è stata marcata e identificata.
Il Vigneto oggi
Estensione:
circa 3000 mq (0,3 ettari)
Anno di impianto:
1960 (uno dei vigneti più vecchi dell’area)
Piante presenti all’inizio dei lavori:
circa 70-80
Esposizione:
a Sud
Pendenza:
attorno al 25% (molto elevata)
LE FASI DEL PROGETTO